Quando eravamo in tre

Perché consiglieresti questo libro a un amico o a un'amica?
La scrittura di Aidan Chambers può essere definita “cruda” da alcuni lettori.

Lo scrittore di Quando eravamo in tre, al contrario di molti scrittori che cercano di non scandalizzare i lettori con temi troppo forti, mette i fatti nero su bianco.

E’ come se avesse la necessità di descrivere la vita così com’è: una parola così generica che racchiude il male e il bene dell’ uomo, senza filtri né maschere che la tramutano in qualcosa di più bello e felice, ma allo stesso tempo irreale.

Chambers vuol farci capire che là fuori c’è un mondo che, sebbene così simile, è allo stesso tempo così lontano dalla realtà che viviamo ogni giorno.

Articolo di JulieJane
(A cura di _Valeredazione)

parziale tondo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...